Saggi

Ettore Cinnella
1917. La Russia verso l’abisso
Erano romantici rivoluzionari di fine Ottocento, e diventarono gli spietati strateghi della rivoluzione che cambiò per sempre le sorti dell’Europa.
1917. L’Europa è sconvolta dalla guerra mondiale. Lo zar Nicola II è stato deposto. L’esercito russo continua
a combattere a fianco di Francia e Inghilterra, ma fra le truppe il malcontento è diffuso e nelle città il popolo ha fame. Il governo tedesco capisce che basta poco per gettare il paese nel caos e favorisce il ritorno in Russia dei più irriducibili sovversivi, rivoluzionari di professione da anni in esilio. Così il 3 aprile, dopo aver attraversato in treno l’Europa su un vagone piombato, Lenin giunge alla stazione di Pietroburgo. In testa ha un solo pensiero: la rivoluzione >>>

————————————

Allan Massie
Gli Stuart. Re, regine e martiri
Venivano dalle paludi salate della Bretagna, e diventarono re di Scozia e d’Inghilterra.
Questa è la storia della dinastia Stuart.
Una storia di ambizioni sfrenate, di tradimenti e di coraggio, con una sola aspirazione: la Corona.
E quando in gioco vi è il potere, anche gli affetti vengono meno >>>

★★★★★ «Semplicemente straordinario».
THE WALL STREET JOURNAL

★★★★★ «Una storia vera, ricca di suspense e di colpi di scena».
BOOKLIST

————————————

1915

Giorgio Petracchi
1915. L’Italia entra in guerra
24 maggio 1915. Dopo dieci lunghi mesi di tensioni, intrighi diplomatici, congiure parlamentari e manifestazioni di massa, l’Italia entra in guerra a fianco dell’Intesa. Giorgio Petracchi ricostruisce, sullo sfondo nazionale e internazionale, gli avvenimenti che portarono alla sofferta decisione dell’Italia di recidere le proprie radici nella Triplice Alleanza e di entrare in guerra contro i vecchi alleati >>>

«Pazienza – precisò Giolitti al re Vittorio Emanuele III – avessimo un buon nome; ma godiamo di una fama pessima, e resteremo infamati nella storia».

————————————

Ukraine-holodomor

Ettore Cinnella
Ucraina: il genocidio dimenticato 1932-1933
Dal segreto degli archivi dell’ex-Unione Sovietica emerge la verità sul più terribile crimine di Stalin.
La storia tragica e sconvolgente di come, per volere di un dittatore, sei milioni di contadini furono lasciati morire di fame. Un libro che continua a commuovere le sue lettrici e i suoi lettori. Finalista Premio Friuli Storia 2016 >>>

★★★★★ «La storia di chi non si arrese al silenzio imposto dal governo sovietico».
Simone Bellezza, L’INDICE DEI LIBRI DEL MESE

★★★★★ «Uno di quei passaggi della storia di cui si è saputo pochissimo per decenni».
Massimo Vanni, LA REPUBBLICA

★★★★★ «Ricostruisce quei terribili avvenimenti e fa emergere la verità sul più terribile dei crimini di Stalin».
Riccardo Michelucci, L’AVVENIRE

————————————

Fabio-Galvano

Fabio Galvano
Cronache dalla fine di un impero
Gli ultimi anni dell’urss rivivono nelle corrispondenze del giornalista Fabio Galvano, testimone a Mosca degli avvenimenti che hanno posto fine al più grande impero della storia >>>

————————————

Da-Gramsci-a-Occhetto

Franco Andreucci
Da Gramsci a Occhetto. Nobiltà e miseria del Pci 1921-1991
La storia del partito che unito e diviso gli italiani.
I leader carismatici, le lotte, gli ideali, le tragedie, le colpe, fino allo scioglimento nel 1991.
Il saggio ripercorre i settant’anni di storia del Partito comunista italiano, dalla sua fondazione nel 1921 fino allo scioglimento, avvenuto il 3 febbraio 1991. I protagonisti si muovono in un universo ampio e tragico: di esso sono parte la clandestinità durante il fascismo, le purghe staliniste, la Resistenza, il radicamento nella società italiana, la lotta politica negli anni della Repubblica. >>>

★★★★★ «Il partito comunista veniva da lontano e andava lontano. Da quanto lontano precisamente venisse, e quanto lontano sia poi andato, lo racconta con passione e competenza Franco Andreucci».
Diego Gabutti, SETTE MAGAZINE

★★★★★ «Adesso la distanza incomincia a essere quella giusta per guardare con profondità di campo ai settant’anni di storia del Pci. Come nel libro, insieme appassionato e pacato, di Franco Andreucci».
Sergio Luzzatto, DOMENICA – IL SOLE 24 ORE

★★★★★ «Andreucci ci regala un’opera sofferta e ben documentata che ha il pregio di una prosa colta, piacevole, precisa, con qualche nota di ironia».
Dino Messina, CORRIERE DELLA SERA

————————————

Carlo Marcaccini
Atene Sovietica
Carlo Marcaccini, studioso dell’antichità, mostra come i pensatori socialisti tra Otto e Novecento si siano ispirati, nella loro visione rivoluzionaria, alla democrazia diretta del mondo classico. Come Robespierre e i rivoluzionari francesi guardavano con ammirazione a Roma repubblicana e a Sparta, così Marx e Lenin trassero ispirazione dalla democrazia del mondo primitivo e di Atene classica >>>

————————————

Ettore Cinnella
1905. La vera rivoluzione russa 
In 500 appassionate pagine Ettore Cinnella fa rivivere l’epopea rivoluzionaria, dal massacro della domenica di sangue fino alla convocazione e allo scioglimento della Duma. Tornano così in vita gli innumerevoli protagonisti della saga rivoluzionaria, a lungo sepolti nell’oblio dai vincitori bolscevichi del 1917. Basato su fonti originali, il libro descrive la straordinaria ricchezza e vivacità del mondo russo all’inizio del Novecento e si legge come un romanzo >>>

★★★★★ «Ettore Cinnella è uno dei nostri maggiori sovietologi».
Dino Messina, CORRIERE DELLA SERA

★★★★★ «Ettore Cinnella, eccellente studioso delle molte Russie».
Bruno Bongiovanni, L’INDICE DEI LIBRI DEL MESE